+39 392.14.01.895             info@pumadamuri.it             EnglishFrenchGermanItalianSpanish

Pumadamuri

31 Gen

Presidio slow-food

Cavolo trunzu di Aci presidio slow-food è coltivato nel nostro orto produzione eccellente della nostra azienda agricola.
Il cavolo trunzu è un cavolo rapa (Brassica oleracea var. gongylodes ) coltivato da sempre nel catanese, in particolare negli orti di Acireale e delle località vicine. E’ di piccole dimensioni ma è riconoscibile in particolare perché la parte edule, presenta striature violacee, comune a molte a molti ortaggi coltivati nei terreni lavici dell’Etna

Il cavolo trunzu è una verdura crucifera dalle caratteristiche uniche. Coltivato da sempre nella provincia di Catania, è protetto dal Presidio Slow Food.

Le sue caratteristiche dimensioni di natura ridotta e il suo colore violaceo da cui si dipartono grossi e lunghi rami, rappresentano gli elementi principali di questo cavolo rapa, già conosciuto nel catanese, agli inizi del Novecento.
Il suo nome deriva dal modo scherzoso con cui venivano denominati e identificati i cittadini di Acireale dagli altri siciliani; visto che ‘trunzu’ sembri derivare dal termine spagnolo che identifica il ‘torsolo’, era un po’ come apostrofare gli jacitani con l’espressione ‘teste di rapa’ o ” teste di trunzu”.
Tradizionalmente, tutte le città che portino il prefisso ‘aci’ nel nome, sono quelle storicamente legate a questo ortaggio, particolarmente nutritivo.Come tutte le verdure crucifere infatti, anche il cavolo trunzo possiede importanti vitamine e minerali particolarmente utili per la salute di occhi, ossa e dell’apparato digerente. Recenti studi hanno inoltre evidenziato la loro particolare efficacia anti-cancro hanno una forte azione detossificante.

. Proprietà esaltate dai terreni di particolare qualità e dell’ambiente in cui viene coltivato.Il cavolo trunzo si coltiva in due cicli tra maggio e giugno, ma anche tra ottobre e novembre, periodo in cui si ottiene la coltivazione migliore. Ed è proprio in questo periodo che infatti il cavolo catanese si è messo in mostra al Salone internazionale del Gusto di Torino del 2013 e del 2014.
Già dalla prima metà del Novecento il cavolo trunzu (il nome riprende un epiteto con il quale i catanesi prendono in giro gli abitanti di Aci) era protagonista sui mercati ortofrutticoli della vicina città capoluogo.

Il cavolo trunzu è molto apprezzato nella cucina catanese: si consuma sia crudo, in insalata, sia saltato con la pasta oppure in una variante della pasta con le sarde. Anche le foglie sono buone. Il cavolo trunzu si vende singolarmente o a mazzetti, ben avvolto nelle lunghe foglie che ne preservano la freschezza. Presidio sostenuto da:
Assessorato regionale delle risorse agricole e alimentari della Regione Siciliana.

Oggi è una varietà molto ricercata e le produzioni intensive mettono a rischio le caratteristiche intrinseche di questo alimento, in quanto le brassicacee mostrano una straordinaria capacità di raccogliere e fissare nei propri tessuti i minerali presenti nel suolo, questo non esclude i metalli pesanti (cromo, piombo, arsenico, cadmio ecc) eventualmente presenti in terreni non idonei; questo dovrebbe spingerci ad assicurarci la provenienza di tali ortaggi, ed in questo la condotta è motivo di selezione e di scelta.
Le caratteristiche nutrizionali di questo alimento, lo rendono eccellente per chi vuole mantenersi in forma, in quanto il basso apporto calorico (solo 27 Kcal per 100g di prodotto!) ci permette un suo consumo frequente e quotidiano. Contribuisce efficacemente contro le ulcere gastro duodenali (grazie alla presenza del fattore U, ovvero glutammina)  e apporta cospicue quantità di fibre (quindi ottimo potere saziante), minerali e vitamina C e B6, ma dato sicuramente più importante, è la sua azione preventiva nei confronti di alcune tipologie di tumori.
Questa sua azione sembra essere associata oltre che alla presenza di polifenoli, anche ai glucosinati, isotiocianati e gli indoli, sostanze fortemente termolabili che si degradano facilmente con la cottura. Il consiglio?
Cuocere il meno possibile questi ortaggi e con poca acqua!
Ma il cavolo Trunzu di ACI non finisce di sorprenderci infatti, in quanto appartenente alle Brasicacee, risulta efficace nell’aiutare il nostro organismo a combattere la cellulite estetica.

cavoli-trunzotrunzu220151223_22570820151223_225630 (1)